Campeggio- MICHELE RINALDI

10,55 IVA inc.

Campeggio Michele Rinaldi è una polvere tintoria, da utilizzare in combinazione con altre piante, per ottenere una buona copertura dei capelli bianchi.

Utilizzata in sinergia con altre erbe tintorie quali lawsonia si possono ottenere ottime coperture dei capelli bianchi con sfumature rosso ramato.

INCI:  Haematoxylon Campechianum Bark Powder

3 disponibili

Lascia un commento con Facebook

SKU: campeggio MR. Categories: , .

-

E’ un grande albero, alto fino a 15 m, con il tronco rossastro ed i rami spinosi, originario della Baia di Campeche in Messico, ma molto diffuso in tutto il continente americano.
Il suo legno fu introdotto in Europa dagli Spagnoli, dopo la scoperta dell’America, con il nome di “palo campecho’, e, dato il grande successo commerciale che ebbe, si cercò di coltivarlo in grandi piantagioni coloniali anche in altre parti del mondo. Per tingere si usava il legno scortecciato, rosso-bruno-violaceo, del tronco e dei rami più grossi, ridotto a pezzetti. La sostanza colorante è l’ematossilina, incolore, che, in ambiente umido, ed in presenza di ossigeno dell’aria, si trasforma in emateina, intensamente colorata.
Infatti, prima dell’utilizzo, il legno campeggio viene triturato, bagnato e lasciato riposare per alcuni giorni.
In ambiente acido il bagno di colore vira al giallo-rosso, mentre in presenza di alcali diventa rosso-violetto, e bruno-nero per successiva ossidazione all’aria. Questo legno, a partire dal XVIII secolo, ha avuto una importanza economica enorme, ed ha resistito alla concorrenza dei coloranti chimici fino a dopo la prima guerra mondiale. Il segreto di questo successo è da ricercare nella messa a punto di particolari sistemi di colorazione, che permettevano di ottenere col campeggio colori neri di sfumature diverse (neri-rossastri, neri-verdastri, neri-blu ecc.) estremamente solidi, soprattutto sulla lana.Haematoxylun Campechianum
Questo traguardo tecnico fu raggiunto proprio nel periodo storico della Riforma in Europa e dell’avvento del Puritanesimo, caratterizzato da una borghesia emergente e bisognosa di distinguersi moralmente anche nel modo di vestirsi, per cui sia gli uomini che le donne si vestirono di nero. Così la richiesta di tessuti (lana, seta e cotone) neri, per confezionare abiti da parte di civili e religiosi fu grandissima, e durò per tutto il XIX secolo. I neri erano ottenuti per sovrapposizione di più tinture, quasi totalmente di origine vegetale, e nelle ricette il legno campeggio era sempre presente in una alta percentuale.

Lascia un commento con Facebook

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Campeggio- MICHELE RINALDI”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *