RABARBARO – MICHELE RINALDI

7,50 IVA inc.

Pianta officinale utilizzata sia per uso esterno che interno, per le sue molteplici proprietà. Ad uso interno viene molto utilizzato per il potere tonico, lassativo, digestivo, antinfiammatorio e stomachico. Per i capelli è un ottimo colorante giallo.

Infatti la polvere della radice di rabarbaro cinese è in grado di colorare i capelli, e dona a quelli biondi e castano chiari riflessi dorati molto intensi. E’ un colorante per capelli molto utilizzato, usato sia nell’antichità che in tempi più recenti.
In realtà per colorare i capelli col rabarbaro è sufficiente fare una pastella con acqua calda ed applicarsela sulla testa e, poiché le sue capacità di colorare sono notevoli, è consigliabile utilizzarlo in miscela con altre piante anche non coloranti, capaci invece di donare morbidezza e lucentezza al capello.
La Miscela Camomilla studiata per i toni chiari/biondi è ottenuta aggiungendo al rabarbaro, le polveri di camomilla, cassia obovata, ed anche una piccola quantità di hennè rosso, dona una sfumatura naturale ai capelli biondi, e può portare ad un effetto gradevole, più o meno deciso, sia su capelli biondo scuri che castano chiari, anche in presenza di capelli bianchi; si utilizza su meches o colpi di sole ormai opachi, ottenendo delle ottime nuances naturali e rinvigorendo le tonalità dorate.

 

INCI: RHEUM UNDULATUM ROOT

2 disponibili

Lascia un commento con Facebook

SKU: RABARBARO MR. Categories: , .

-

Il rabarbaro cinese o Rheum officinale (palmatum) è originario della Cina e del Tibet, cresce allo stato spontaneo, ma soprattutto, visto il largo uso, viene coltivato. Il suo aspetto è simile a quello del nostro rabarbaro rapontico, o Rheum rhaponticum, anche esso originario dell’Asia centrale. Di entrambe le specie si utilizza il grosso rizoma, che viene prelevato in primavera o autunno da piante di 6-10 anni. Quello cinese a volte viene sofisticato con l’altro, soprattutto in forma di polvere, più difficile da riconoscere rispetto alla radice intera. Il rizoma contiene alcuni pigmenti antrachinonici. Con le foglie si ottengono gialli mediamente resistenti, mentre con il rizoma si hanno aranci più o meno scuri, solidi alla luce e al lavaggio.
I rabarbari sono la principale fonte di tinture gialle ed arancio utilizzate per colorare tessuti e tappeti in Tibet.

Lascia un commento con Facebook

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “RABARBARO – MICHELE RINALDI”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *