I Cereali Senza Glutine


Biottine oggi voglio parlarvi dei cerali che non contengono glutine, sostanza non da tutti tollerata (ad esempio i celiaci).

I motivi per cui le persone con questa intolleranza stanno aumentando ancora non si sa, si pensa forse che il motivo siano i numerosi pesticidi che vengono utilizzati oppure i trattamenti che devono subire i cereali (anche per questo si dovrebbero preferire cibi non raffinati, quindi sì a farine e cereali integrali ). Fatto sta che queste persone aumentano di anno in anno.

Anche io per un mese ho dovute seguire una dieta molto ristretta. La causa era colon irritabile dovuto forse allo stress… Dunque non potevo mangiare nulla che contenesse glutine, latticini, ecc.
Quindi per non morire di fame mi sono informata un pochino e da lì questo articolo 😛

Amaranto

453_amaranto

Essendo molto ricco di fibre e particolarmente digeribile, è utile per chi soffre di problemi intestinali ed è adatto anche all’alimentazione di bambini piccoli e anziani.

È molto ricco di proteine di alta qualità ed è un valido alleato per chi decide di seguire un regime alimentare privo di carne e di derivati animali.

Possiede un contenuto elevatissimo di lisina e garantisce un ottimo apporto di ferro, calciofosforo e magnesio. Contiene, inoltre, vitamine dei gruppi B e C, acido aspartico, arginina, serina, alanina e acido glutammico. L’amaranto è definito pseudo cereale e rappresenta una valida alternativa ai cereali.

Sapevi che:

Si possono fare popcorn di amaranto. L’amaranto, infatti, quando viene riscaldato in padella, si comporta proprio come il mais e scoppia.

Grano Saraceno

454_grano-saraceno-sitoIl grano saraceno risulta essere un alimento con caratteristiche nutrizionali ben equilibrate infatti è ricco di ferro e sali minerali (soprattutto magnesio) di vitamina B ma soprattutto E.

Contiene una buona quantità di amminoacidi essenziali soprattutto lisina e triptofano ed il valore biologico delle sue proteine è paragonabile a quello delle proteine della carne e della soia.

Sapevi che:

L’origine dell’appellativo “saraceno” sembra derivi dalla sua storia dato che questa pianta e i suoi semi vennero importati in Italia nel Medioevo e approdarono a Venezia grazie ai mercanti musulmani, i saraceni appunto, che lo coltivavano nelle loro regioni d’origine.
(Leggi su: http://www.vegolosi.it/?p=438)

Mais

455_mais-sitoIl mais è un cereale non molto ricco da un punto di vista nutrizionale, tanto che nelle popolazioni che si nutrivano principalmente di questo alimento si diffuse una malattia tristemente nota chiamata pellagra, dovuta alla carenza di vitamine e di alcuni amminoacidi.

Tuttavia è molto dotato di ferrofosforopotassio e contiene vitamina A. È considerato un alimento calmantedepurativo e disintossicante.
L’amido di mais (maizena) è molto utilizzato per addensare le salse e le creme e per preparare dolci da forno, e nell’industria alimentare per la preparazione di alimenti senza glutine.

Sapevi che:

Il mais è poco calorico, quindi se sei a dieta uno spuntino leggero e sfizioso  possono essere i pop corn.
Ovviamente preferisci quelli cotti con appositi macchinari che funzionano ad aria calda, oppure se proprio vuoi farli in padella usa un filo di olio extra vergine di oliva e condiscili con poco sale 😉

Miglio

456_miglio-sitoIl miglio, che oggi fa pensare al mangime per canarini, in realtà ha  molte proprietà nutritive ed un buonissimo sapore e può essere facilmente conservato per lunghi periodi.

Il chicco di miglio è assai ricco di amido ed è uno degli alimenti più ricchi di sostanze minerali, fra cui ferro, magnesiofosforosilicio.

Sapevi che:

Il miglio è un toccasana per unghie e capelli? Se vuoi saperne di più clicca qui 😉

Quinoa

457_quinoa-sitoI semi di quinoa sono piccoli come quelli del miglio, ma più schiacciati, contengono circa il 60% di carboidrati e l’11% di proteine di valore biologico piuttosto alto, addirittura paragonabile a quello dei formaggi.

La quinoa rappresenta anche una buona fonte di fosforopotassio e manganesio. Contiene molta lisina e molte fibre.

 

Riso

458_riso-sitoIl riso è il cereale senza glutine più coltivato del mondo, si tratta di una pianta originaria dei paesi orientali dove è conosciuta da millenni. Esso infatti costituisce l’80-90% dell’alimentazione di varie popolazioni asiatiche ed anche se il suo consumo è diffuso in tutto il mondo, il 95% rimane concentrato in Estremo Oriente.

L’Italia rappresenta un grosso produttore di riso, senza dubbio il più grosso nel mercato Europeo. Inoltre il riso italiano ha raggiunto, grazie alle molte selezioni, un livello qualitativo che per alcune varietà non ha eguali nel mondo. Il riso è una pianta che dà abbondanti raccolti più volte all’anno, per questa ragione ha avuto così grande successo tra la numerosa popolazione dell’Estremo Oriente.

 Sapevi che :

Esistono 50 varietà diverse solo in Italia, per forma, dimensioni, gusto e contenuto.

 

SaByo

 

** le notizie sono state prese da diversi siti sul web

Lascia un commento con Facebook

Ti suggerisco di leggere anche questi articoli