Quali sono gli Ingredienti da evitare negli Alimenti?

By
 In bio notizie


Ormai lo sapete la nostra VISION è rendervi  CONSUMATORI CONSAPEVOLI 😀
Ormai dovreste sapere:

Proprio per questo Io non finisco mai di “formarmi” e informarmi… e in questi giorni ho letto che l’Environmental Working Group (EWG), associazione di consumatori e ambientalisti, ha pubblicato una lista delle sostanze e classi di sostanze sospette di essere cancerogene o dannose.

Tali sostante sono utilizzate come additivi alimentari e nel regno dei cibi precucinati, precotti, pronti, muovono miliardi di dollari (si stima che nel 2018 saranno addirittura 36,1).
Negli USA, ad esempio, i rappresentanti delle aziende produttrici hanno sempre fatto di tutto per evitare controlli più stringenti, ottenendo il permesso di eseguire i test di sicurezza ed adducendo la motivazione che è  impossibile verificare più di 10.000 sostanze.

L’EWG ha quindi reso noto un elenco di ingredienti da evitare, anche per sensibilizzare ulteriormente l’opinione pubblica, così io e Federica D’Ascoli (Consulente in sicurezza alimentare e ambientaleabbiamo pensato di scrivervi la lista degli additivi incriminati e spiegarvi come questi vengono indicati in etichetta e dove potreste trovarli. 😀

Additivi a base di alluminio

Impiegato come stabilizzante in numerosi alimenti è stato associato a disturbi nello sviluppo e a malattie neurodegenerative.

L’alluminio si accumula nel corpo, in particolare nelle ossa, e potrebbe innescare il morbo di Alzheimer.


ADDITIVI A BASE DI ALLUMINIO


E520 solfato di alluminio

E521 solfato di alluminio e sodio

E522 solfato di alluminio e potassio

E523 solfato di alluminio e ammonio

E554 sodio alluminio silicato

E555 silicato d’alluminio e potassio

E556 calcio alluminio silicato

E559 caolino (silicato di alluminio)

ATTENZIONE! Prodotto sospetto

ATTENZIONE! Prodotto sospetto


ATTENZIONE! Prodotto sospetto


ATTENZIONE! Prodotto sospetto


ATTENZIONE! Prodotto sospetto


ATTENZIONE! Prodotto sospetto


ATTENZIONE! Prodotto sospetto


Prodotto non tossico

E320 BHA idrossianisolobutilato PERICOLOSO! La sostanza potrebbe essere responsabile di disturbi e malattie gravi. Proibito in uno o più paesi extra europei
E321 BHT idrossitoluenebutilato
PERICOLOSO! La sostanza potrebbe essere responsabile di disturbi e malattie gravi.

Aromi naturali

Sotto questa definizione apparentemente innocua si cela più o meno qualunque tipo di sostanza, compresi allergeni, prodotti potenzialmente pericolosi ed altri ricavati da OGM.

Questi aromatizzanti segreti possono anche contenere sostanze chimiche di sintesi, inclusi i solventi, conservanti o altri ingredienti discutibili.

Per evitare questi, scegliere prodotti freschi e alimenti integrali e biologici, per quanto possibile.


AROMI NATURALI


Gli aromi vengono utilizzati non solo nel campo dell’industria alimentare, ma anche in quella cosmetica o del tabacco e si dividono in due categorie: aromi naturali e aromi artificiali a seconda che siano frutto o meno di una sintesi chimica. La principale differenza tra aromi naturali ed artificiali consiste nel fatto che, secondo la normativa vigente in Europa, ai primi appartengono gli aromi ottenuti attraverso diversi procedimenti (tra cui la distillazione e l’estrazione con solventi) da ingredienti naturali (ad esempio l’essenza di limone estratta dalla scorza degli agrumi), mentre ai secondi tutti quegli aromi ottenuti per sintesi chimica e che imitano gli originali presenti in natura.

La normativa Europea di conseguenza identifica 3 categorie di aromi:

  • aromi naturali, estratti da prodotti naturali,
  • aromi natural-identici, ottenuti per sintesi chimica, ma uguali a prodotti presenti in natura,
  • aromi artificiali ottenuti per sintesi chimica e non presenti in natura.

Gli aromatizzanti aggiunti agli alimenti devono essere indicati nella lista degli ingredienti, e il termine “aromi naturali” viene utilizzato esclusivamente per quelli ottenuti per estrazione da ingredienti naturali.


Bromato di potassio

Utilizzato per aiutare a lievitare l’impasto durante la cottura, il bromato di potassio è classificato dallo IARC (International Agency for the Reasearch on Cancer)come probabile cancerogeno. Tossico per reni, causa danni al DNA e si trova in piccole quantità rilevabili nei prodotti di panetteria industriale. Teoricamente la cottura al forno lo trasforma nell’innocuo bromito di potassio, ma alcuni studi hanno dimostrato che restano sempre dei residui. Nell’Unione Europea ed in Canada ne è vietato l’uso negli alimenti.


BROMATO DI POTASSIO


E924 Additivo alimentare (antiagglomerante)

Coloranti artificiali

I coloranti ammessi sono quelli presenti in appositi elenchi, ma secondo EWG i risultati delle analisi, citati anche nelle conclusioni EFSA, suggeriscono un possibile effetto sul comportamento dei bambini e andrebbero approfonditi i controlli. Il caso dei caramelli artificiali contenenti 4-metil-imidazolo o 4-MEI, sospettato di essere un cancerogeno e vietato in Europa, ha occupato per mesi i media americani, e alla fine ha portato al divieto in alcuni stati.
Completamente inutili, i colori artificiali negli alimenti non valgono il rischio.


COLORANTI ARTIFICIALI


E100 curcumina (colorante)

aaaaaaaaaaaaaaaaaa

Non tossico
E101 Riboflavina (Vitamina B2) nota anche come lattoflavina o Vitamina G La si trova in: latte, pollo, pesce, fegato e rognone, formaggi, cereali integrali, germe di grano, lievito di birra, frutta a guscio: pinoli, arachidi, noci, pistacchi. Non tossico
E101a Riboflavina-5’-fosfato
E102 Tartrazina Può causare: eruzioni cutanee, raffreddore, problemi di respirazione, visione offuscata, gonfiori, insonnia nei bambini, controindicato per chi è allergico all’acido acetilsalicilico (la comune “aspirina”) e per i soggetti asmatici. Dove la si trova: nelle bevande gassate, nelle caramelle alla frutta, nei budini, nelle minestre confezionate, nei gelati, nei chewing gum, nel marzapane, nelle marmellate, nelle gelatine, nella mostarda, nello yogurt e in molti altri alimenti assieme alla glicerina, limone e miele. La si può persino trovare negli involucri delle capsule dei medicinali. VIETATO in Svizzera – AMMESSO in Europa
E103 Crisonia resorcinolo Non ammesso Unione  Europea
E104 Giallo di chinolina

aaaaaaaaaaaaaaaaaa

Dove lo si trova: caramelle, bibite, liquori, gelati, uova, e nel merluzzo affumicato. Proibito in Australia. È stato riconosciuto che ha l’effetto di stimolare la produzione di istamina e può avere effetto sulla retina e sul fegato, per questo è proibito in molti paesi. Il suo contatto può anche causare dermatiti. È uno dei coloranti di cui si chiede la totale eliminazione dalla dieta dei bambini. Il giallo chinolina è usato come pigmento per i tatuaggi. VIETATO in USA, Giappone, Norvegia. AMMESSO in Europa
E105 Giallo rapido AB VIETATO dal 1977
E106 Riboflavina-5’-fosfato, sale sodico VIETATO
E107 Giallo 2G Dove si trova: bibite, cordiali, zuppe pronte, maionese. Effetti: E107 è implicato nella comparsa di allergie, iperacidità ed asma. L’uso è limitato ed il colore potrebbe essere in futuro vietato. VIETATO
E110 Giallo arancio S Dove si trova: bibite, sciroppi, cordiali, zuppe pronte, dolci in generale, gelati, ghiaccioli. Controindicato per chi è allergico all’acido acetilsalicilico (aspirina) e per gli asmatici. Può provocare eruzioni cutanee. Sconsigliato ai bambini. Tossico in alte dosi. VIETATO in alcuni paesi.
E111 Arancione GGN VIETATO
E120 Cocciniglia, Acido carminico, Carmino, rosso naturale Colorante naturale rosso del tuorlo dell’uovo e anche ottenuto dall’estrazione dei corpi essiccati delle femmine di coccinella americana che contiene fino a 10% di acido carminico, il principale colorante di molti aperitivi. Altri insetti utilizzati sono Porphyrophyra hamelis, Kermes ilicis, Margaroides polonia e Laccifera lacco. Sconsigliato ai bambini in genere, soprattutto asmatici e allergici! Dove si trova: prodotti farmaceutici, sciroppo e pastiglie, caramelle, gelatine, salumi stagionati, prodotti da arrosto. AMMESSO in Europa
E121 Oricello, orchile, orceina Dove si trova: marzapane e gelatine. VIETATO dal 1977
E122 Azorubina Dove si trova: sciroppi, bibite, gelati, bevande, marzapane e gelatine. Controindicato per chi è allergico all’aspirina e per gli asmatici. Può provocare eruzioni cutanee. AMMESSO
E123 Amaranto Potenzialmente cancerogeno. Controindicato per chi è allergico all’aspirina e per gli asmatici. Può provocare eruzioni cutanee. AMMESSO. Vietato negli USA dal 1976
E124 Rosso cocciniglia Sconsigliato ai bambini; può provocare allergie ed eruzioni cutanee; controindicato per chi è allergico all’acido acetilsalicilico (“aspirina”) e per i soggetti asmatici. Dove si trova: caramelle, paste, biscotti, sciroppi, bibite, dolci, gelati, ghiaccioli, marzapane e gelatine. AMMESSO. VIETATO in alcuni paesi
E127 Eritrosina Dove si trova: caramelle, frutta sciroppata, gelati, ghiaccioli, biscotti, ciliegie candite, fragole. Vietato negli Usa per gli alimenti. Sconsigliato ai bambini; può incrementare i livelli dell’ormone tiroidale e portare all’ipertiroidismo; può causare ipersensibilità alla luce. AMMESSO. VIETATO negli USA.
E128 Rosso 2G eliminato nel 2005 VIETATO
E129 Rosso allura AC Allergenico in condizioni di allergie e irritazione alla pelle
E130 Blu indatrene VIETATO
E131 Blu Patentato v Effetti nocivi: sensibilità della pelle, prurito ed orticaria; raramente choc e problemi respiratori, nausea, ipotensione e tremore. AMMESSO. VIETATO in AUSTRALIA
E132 Indigotina Colorante blu usato in diagnostica per verificare la normale funzionalità renale, per mezzo della produzione di urina blu. Leggermente tossico; nelle persone allergiche può causare nausea, vomito, ipertensione, reazioni cutanee, problemi respiratori. Sconsigliato ai bambini. Dove si trova: gelati, ghiaccioli, paste, frutta candita, biscotti e dolciumi. Leggermente tossico
E133 Blu Brillante TOSSICO
E140 Clorofilla e clorofillina nessun effetto noto
E141 Complessi tra clorofilla e rame Dove si trova: gelati e dolci. Nessun effetto nocivo noto.
E142 Verde acido brillante S nessun effetto noto

E150a Caramello


Dove si trovano: bibite tipo cola, gelati, ghiaccioli, liquori, acqueviti, birra, pasticceria in genere, biscotti, frutti di mare, soia, frutta e verdura in scatola, conserve. Sconsigliati ai bambini. Ottenuti attraverso la reazione esotermica tra saccarosio e sostanze chimiche, quali acido solforico e ammoniaca. TOSSICO

 


E150b Caramello solfito caustico
E150c Caramello ammoniacale
E150d Caramello ammonio solfito


E151 Nero Brillante Sconsigliato ai bambini. Può provocare allergie ed eruzioni cutanee; controindicato per chi è allergico all’acido acetilsalicilico (la comune “aspirina”) e per i soggetti asmatici. Dove si trova: caramelle, creme, gelati, ghiaccioli. TOSSICO
E152 Black 7984 VIETATO
E153 Carbone vegetale sospettato di essere coinvolto nell’insorgenza del cancro
E154 Bruno FK, marrone Kipper VIETATO
E155 Bruno HT, Marrone cioccolato VIETATO
E160a α-carotene, β-carotene, γ-carotene nessun effetto noto
E160b Annatto, bissina, norbissina nessun effetto noto
E160c Estratto i paprika, capsantina, capsorubina
Estratto naturale di paprica, colorante arancione, aromatizzante. VIETATO in Australia
E160d Licopene Estratto naturale dei pomodori
E160e β-Apo-8′-carotenale nessun effetto noto
E160f Estere etilico dell’acido β-apo-8′-carotenico nessun effetto noto
E161a Flavoxantina nessun effetto noto
E161b Luteina presente nelle foglie verdi, si trova anche nel tuorlo d’uovo. Nessun effetto noto
E161c Criptoxantina Derivato del carotene, si trova nei petali e nelle bacche delle piante di uva spina, delle patate e dei pomodori, nella buccia delle arance, nell’uovo e nel burro. Colorante giallo. Nessun effetto nocivo noto
E161d Rubixantina nessun effetto noto
E161e Violaxantina nessun effetto noto
E161f Rodoxantina nessun effetto noto
E161g Cantaxantina nessun effetto noto
E162 Betanina nessun effetto noto
E163 Antocianine  nessun effetto noto
E170 Carbonato di calcio, gesso  nessun effetto noto
E171 Diossido di titanio meglio evitarlo. Colorante bianco
E172 Ossidi e idrossidi di ferro Vietato in Australia
E173 Alluminio Vietato in Australia
E174 Argento Vietato in Australia
E175 Oro Vietato in Australia
E180 Litolrubina BK Vietato in Australia
E181 Tannino  Vietato in Australia

Diacetile

Utilizzato al posto del burro nei popcorn da cuocere nel forno a microonde e in impieghi simili, è stato associato a gravi malattie respiratorie come la bronchiolite ostruttiva, ed è oggetto di indagine come possibile agente tossico nelle aziende dove viene sintetizzato o utilizzato.
La verità è che negli ex lavoratori presso le aziende di produzione di popcorn a microonde sono stati riscontrati molti casi di danni ai polmoni ed alcuni  sono nelle liste d’attesa per i trapianti di polmone.

Fare i popcorn in casa è semplicissimo: basta una padella antiaderente, olio e mais bio, potrai così evitare questo additivo inutile e dannoso.


DIACETILE


E’ un dichetone che troviamo come sottoprodotto naturale di fermentazione, specialmente nella birra. Lo si trova anche nelle altre bevande alcoliche e viene aggiunto ad alcuni alimenti per conferire un gusto burroso. Non esiste una sigla o un simbolo riportato in etichetta che indichi la presenza di diacetile


Fosfati

Trovati in oltre 20.000 alimenti, i fosfati sono tra gli additivi alimentari più comuni e vengono impiegati in quasi tutte le classi di alimenti lavorati.

Un eccesso è stato associato a un aumento del rischio cardiovascolare, capacità di danneggiare i reni e altri organi, in particolare il cuore.

L’EFSA sta compiendo un’indagine specifica le cui conclusioni, tuttavia, non sono previste prima del 2018.


FOSFATI


E450 e E459

dddddddddd

Vengono solitamente utilizzati nei salumi (per es. prosciutto cotto) e nella carne in scatola. Nei prodotti industriali di pasticceria vengono utilizzati come agenti lievitanti, mentre per carni, formaggi e insaccati vengono impiegati come addensanti, per mantenerne la tonicità.

Idrossianisolo butilato BHA

Lo IARC (International Agency for the Reasearch on Cancer) lo reputa un probabile cancerogeno. Nell’Unione Europea è considerato un distruttore endocrino pericoloso tanto per gli adulti di quanto per i bambini. Viene utilizzato nelle patatine fritte e in altri cibi grassi come conservante ed esaltatore di gusto.

Idrossitoluene butilato BHT

Utilizzato spesso insieme al BHA, a cui assomiglia chimicamente, come conservante, i ratti nutriti con BHT hanno sviluppato tumori al polmone e al fegato, ed è un probabile distruttore endocrino. 

Nitriti e Nitrati

Nitriti e nitrati, spesso aggiunti ai salumi, tra cui salsicce, wurstel e insaccati, sono classificati come probabili cancerogeni per l’uomo. Legandosi con le ammine durante la lavorazione, possono generare le nitrosammine, sostanze giudicate dall’International Agency for the Reasearch on Cancer (IARC) di Lione probabilmente cancerogene e associate a tumori allo stomaco ed all’esofago.


NITRATI E NITRITI 


Nitratiaaaaaa

E251 e  E252 

Vengono aggiunti come additivi (o meglio come coadiuvanti tecnologici) agli insaccati, prosciutti, wurstel, carni in scatola ed altri prodotti a base di carne, pesci marinati e a volte anche prodotti caseari per i seguenti motivi:

  • mantengono il colore rosso della carne;
  • favoriscono lo sviluppo dell’aroma (per i salumi)
  • svolgono azione antimicrobica e antisettica soprattutto nei confronti del botulino.

Oltre agli alimenti sopracitati troviamo queste sostanza anche negli spinaci, le bietole, le rape  e il sedano.

I nitrati di per sé non sono dannosi a differenza dei nitriti che nello stomaco (ambiente acido) si trasformano in acido nitroso il quale legandosi alle ammine danno vita alle nitrosammine altamente cancerogene.

 

Nitriti

E249 e E250


Propyl Paraben

Considerato un distruttore endocrino, si tratta di un killer di testosterone ed è stato dimostrato che diminuisce il numero degli spermatozoi negli studi sugli animali. Uno studio del 2001 ha anche riscontrato che propilparabene accelera la crescita del cancro al seno e più recentemente, uno studio 2013 ha riscontrato che danneggia la fertilità femminile. Utilizzato come conservante in prodotti da forno, è un contaminante ubiquitario: uno studio negli USA ha mostrato che il 91% degli americani lo ha nel suo organismo.

Propil gallato

Impiegato come conservante per i grassi delle salse preconfezionate e nelle  salsicce, è sospettato di essere un distruttore endocrino e cancerogeno.


PROPIL GALLATO


   E310

aaaaaaaaa

Essendo un composto antiossidativo, il gallato di propile viene comunemente utilizzato per la produzione cosmetici, prodotti per capelli, adesivi, lubrificanti, gomme da masticare, e viene aggiunto ad alcuni prodotti alimentari per rallentarne l’irrancidimento a l contatto con l’ossigeno dell’aria

Teobromina

Componente naturale del cioccolato, è usata come additivo nel pane, nei cereali e nelle bibite per sportivi. Dati preoccupanti riguardano possibili effetti sullo sviluppo e sulla riproduzione. Secondo EWG questo è uno dei casi esemplari di azione delle lobby a danno dei consumatori.
Le aziende stanno ricorrendo ai propri esperti e consulenti pagati per l’approvazione della sicurezza degli additivi alimentari, e non dallo stato.


TEOBROMINA


E’ un alcaloide naturale presente nelle piante di cacao. La si trova in svariati alimenti al cioccolato. In etichetta alimentare non c’è una sigla che indichi la sua presenza

 

 

Per aiutare a trovare i prodotti più sani al supermercato, si può utilizzare una utile applicazione come Edo: il suo database di informazioni ospita decine di migliaia di alimenti ed ingredienti costantemente aggiornati con nuovi studi che ci fanno capire sempre meglio quello che c’è nei nostri alimenti.

 

Biologa, amante del nuoto, con una grande passione per la nutrizione e la sicurezza alimentare. Il mio motto è (potrebbe andar bene???) : “Conoscere il cibo è ciò che di meglio puoi fare per la tua salute"

Biologa, amante del nuoto, con una grande passione per la nutrizione e la sicurezza alimentare.
Il mio motto è (potrebbe andar bene???) :
“Conoscere il cibo è ciò che di meglio puoi fare per la tua salute”

Lascia un commento con Facebook

Ultimi post