Come curare i tatuaggi con prodotti naturali?


Ebbene sì Biottine, anche io ho ceduto al fascino del tattoo e insieme a mia mamma e mia sorella abbiamo deciso di farci un tatuaggio. Ci siamo tatuate delle parole  che ci descrivessero, con font diversi ma accumulate da un unico particolare. Del resto noi siamo così. Tre donne diverse, ma accumulate dalla stessa forza e caparbietà 😀

Ovviamente prima di farlo ho fatto le mie ricerche per capire come poter curare i nostri tatuaggi in modo naturale.

La vaselina (il prodotto che i tatuatori ti danno per curare il tatuaggio) viene prodotta grazie alla raffinazione di petrolati.  Non è  dunque un prodotto eco-friendly in quanto non può vantare una formulazione naturale e di fatto non ha nulla di “green”.

Ho scoperto che però esiste un’alternativa alla classica vaselina, ovvero la “vaselina bio” oppure alcuni prodotti dalle spiccate proprietà idratanti e antibatteriche.

Innanzitutto il must-have per la cura della pelle appena tatuata è il Burro di Karitè . Supernutriente, idratante e cicatrizzante dall’effetto intensivo: io consiglio di usarlo nelle prime 24-48 h dopo il tatuaggio.

In caso di arrossamenti e infiammazioni della pelle sono ottimi il gel di Aloe Vera, la tintura di calendula o l’estratto di Malva, che prevengono infezioni e hanno proprietà antibatteriche come anche il favoloso olio extravergine di oliva (che io ho usato anche per curare il septum e che metto sul tattoo) 😉

Ecco la ricetta della “vaselina bio”

INGREDIENTI:

Tutto ciò che serve per creare la vaselina naturale fai da te sono solo due ingredienti facili da reperire:

La cera d’api deve essere quella gialla, non quella raffinata di colore bianco. Quella gialla è naturalmente più ricca di proprietà benefiche.

PROCEDIMENTO:

Mescolare la cera d’api e l’olio d’oliva a bagnomaria, a fuoco molto basso, fino a quando i due ingredienti si amalgamano per bene. Subito dopo, mentre il composto è ancora caldo, versarlo in un barattolino da circa 250 ml, e attendere che si raffreddi completamente.

A questa ricetta base, si potrebbero aggiungere alcuni extra, come gli oli essenziali:

  • Salvia Sclarea, dall’azione astringente, riequilibrante, cicatrizzante e antisettica
  • Petit Grain, calmante, antinfiammatorio e rigenerante
  • Tea tree, stimolante, tonificante e disinfiammante

Oppure aggiungere del burro di Karitè.
Il composto non avendo una base acquosa non ha bisogno di conservante 😉

 

Lascia un commento con Facebook

Ti suggerisco di leggere anche questi articoli