Veleno di Vipera nei Cosmetici. Verità o Bufala?


Buongiorno Biottine oggi parleremo di un argomento tornato in auge in questo periodo in cui il Bio e i prodotti naturali (o nella stragrande maggioranza, presunti tali) stanno riscuotendo molto interesse da parte dei consumatori: i prodotti con veleno di vipera.

Le creme al siero di vipera hanno diverse contraddizioni e sono oggetto di dibattito in relazione al loro reale contenuto nei prodotti.

Ma il mito dei cosmetici al “Siero di Vipera” merita qualche approfondimento in più ecco perché vi scriverò due differenti versioni, una pro e una contro questo particolare e molto discusso, Siero antiage.

 

  • VERSIONE PROLe creme per viso al siero di vipera, sono ottime creme antietà, e permettono la prevenzione e la riduzione delle rughe dal 52% all’82% creando un effetto lifting intensivo revitalizzante. Queste creme viso sono una linea innovativa per la giovinezza del viso, dei veri trattamenti di bellezza in grado di contrastare i segni di invecchiamento. Una crema viso antirughe per distendere i tratti è la crema al siero di vipera, una delicata emulsione idratante e protettiva, con fattore di protezione solare UVA e UVB, dall’azione rinnovatrice. Con la crema al siero di vipera basta un velo di prodotto ed il viso acquista subito compattezza. Il veleno di vipera previene la formazione di rughe d’espressione, le vitamine A ed E stimolano il metabolismo di difesa della cute e i derivati zuccherini idratano a fondo.
  • VERSIONE CONTRO: L’ingrediente utilizzato (SYN-AKE™) non è affatto siero o veleno di vipera, le uniche vipere che possono aver visto all’interno del laboratorio dove viene prodotto questo ingrediente, se mai ne hanno vista una, potrebbero essere sedute nel consiglio di amministrazione e vestono Prada. Il peptide utilizzato nei cosmetici è un peptide sintetico composto da 3 aminoacidi (Ala-Pro-Dab) contro la molto più complessa molecola della tossina Waglerin-1 composta da 22 aminoacidi(Gly-Gly-Lys-Pro-Asp-Leu-Arg-Pro-Cys-His-Pro-Pro-Cys-His-Tyr-Ile-Pro-Arg-Pro-Lys-Pro-Arg). Si deve notare inoltre che la sequenza e, escludendo la prolina, gli aminoacidi che compongono l’attivo cosmetico non compaiono proprio nella tossina e ogni riferimento alla somiglianza chimica o al fatto che l’attivo cosmetico sia in qualche modo “derivato” dalla tossina sembra proprio “derivato” solo dalla illimitata fantasia dei markettari.

CONCLUSIONE:

Non esistono vere e proprie “CREME AL VELENO DI VIPERA”.

L’attivo cosmetico e la tossina della vipera sono poi sostanze completamente diverse e la documentata efficacia della Waglerin-1 , non sostiene né giustifica in alcun modo la presunta e vantata efficacia dell’attivo cosmetico… anche se i dubbi sorgono quando si paragonano gli effetti della crema antirughe a base di veleno di vipera a quelli del botox.
La pelle è programmata per proteggerci e fare da filtro. Un principio attivo, per quanto possa essere penetrante, a uso topico, non riuscirebbe mai ad attraversare la pelle e il pannicolo sottocutaneo per poi raggiungere il muscolo! Certo, la molecla Syn-Ake sembrerebbe essere abbastanza “leggera” da poter penetrare attraverso la pelle ma non è possibile dimostrare che ci riesca. 

Inoltre si tratta di puro marketing dal momento che alla base c’è una favoletta che fa chiaramente riferimento al veleno delle vipere, ma con una accortezza e finezza tipica di chi sa come si fa comunicazione per vendere. Infatti il termine usato comunemente è SIERO, per stemperare la negatività tossicologica del termine VELENO.
CURIOSITA’:

SNAKE OIL SELLER (venditore di olio di serpente) , nella cultura e gergo americano è sinonimo di : CIARLATANO.
La storia è curiosa, un po’ lunga, ma, sintetizzando, si rifà alle vicende di un cowboy che si mise a vendere rimedi miracolosi dicendo che erano olio di serpente. Nel primo e più famoso caso di ciarlataneria con olio di serpente , Clark Stanley’s Snake Oil Liniment, la formula che venne rivelata durante il processo, ricorda terribilmente certi attuali oli cosmetici: paraffina, capsico, canfora….

A voi la scelta e la valutazione Biottine …
Sicuramente non si  tratta di un prodotto naturale. Chi è interessato all’acquisto di una crema naturale può puntare alla crema alla bava di lumaca, un ottimo antirughe ad azione rigenerativa, in cui le mucillagini vengono prese tal quali e semplicemente 
microfiltrate 😉

Siero Bava di lumaca con l’80% di bava di lumaca

In realtà basta anche utilizzare una crema dermatologicamente testata, che rende il tutto molto più cocoon. Come la linea di Naturaverde Bio formulata con il 10% di bava di lumaca pura

Fonte
Fonte

Lascia un commento con Facebook

Ultimi post